I DIALOGHI DEL CRE "Solidarietà e Comunicazione: Operation Smile, un caso di successo"

Santo Versace - 14 dicembre 2015

La meravigliosa location della Casa del Cinema è stata teatro della festa di Natale organizzata dal Club Relazioni Esterne che, per l'occasione, ha avuto come ospite d'onore Santo Versace, già membro della Camera dei Deputati e imprenditore di livello internazionale. Il tema centrale della serata è stata la onlus di cui Versace è presidente, Operation Smile Italia, che si occupa principalmente di fornire l'adeguata assistenza medica ai bambini con malformazioni del volto in 70 paesi del mondo. Santo, fratello di Donatella e Gianni Versace, ha passato la sua gioventù tra Reggio Calabria, città che gli ha dato i natali e alla quale è rimasto molto legato, e Messina, dove si è laureato in Economia e Commercio. Nel 1976 si è trasferito definitivamente a Milano e lì ha iniziato a lavorare a tempo pieno con il fratello Gianni. Di lì a poco sarebbe nata la Gianni Versace Spa di cui Santo Versace fa parte sin dalla fondazione.

Interessante è la sua visione della moda per come è stata, per il suo stato attuale e per come sarà; da un lato è emerso il profondo amore del presidente verso questo mondo, dall'altro l'abbandono quasi totale della politica che, a suo dire, non comprenderebbe l'importanza strategica del settore. Secondo Versace, la moda rappresenta il Rinascimento italiano ed è condotta da uomini lungimiranti e amanti del bello, preziosi per il Paese più di quanto non venga loro riconosciuto. Il presidente ha poi sottolineato la relazione, oggi inscindibile, fra moda e tecnologia, basti pensare che la sua azienda attualmente investe più nei negozi online che in quelli fisici. Ed è proprio grazie all'e-commerce che brand internazionali come Versace hanno trovato sbocco in nuovi e profittevoli mercati, come quello cinese e quello indiano, piazze che hanno dato respiro alle imprese capaci di saltare sul treno dell’innovazione. Fondamentale, poi, è il rapporto tra le case e l'audience. Gianni Versace, ad esempio – prima di tutto un grande sarto - ha sempre voluto mantenere un saldo contatto con la realtà, alternando, durante le sfilate, abiti creativi e creazioni più facilmente indossabili, così da rendere l’alta moda alla portata di una larga fetta di consumatori.

Durante la serata è intervenuta Alessandra Corrias, direttore generale di Operation Smile Italia, che ha illustrato nel dettaglio il lavoro svolto dalla fondazione e i risultati ottenuti. La onlus è nata nel 2000 con l'obiettivo di correggere chirurgicamente gravi malformazioni facciali come il labbro leporino e la palatoschisi; inoltre, la fondazione cerca di contribuire a realizzare l'autosufficienza medica a livello locale, con oltre 120 volontari tra medici, infermieri e operatori sanitari, per cercare di garantire ad ogni bambino povero un più facile accesso gratuito a cure specialistiche di qualità. Ogni anno Operation Smile International porta a termine circa 50 missioni internazionali, con la collaborazione delle onlus dei vari paesi aderenti, e 13mila operazioni che regalano sorrisi a bambini senza speranza. 

Niccolò Mastrapasqua